Campobase Giovani

Campobase Giovani nasce sotto la spinta di un gruppo di ragazzi e ragazze under 35 consapevoli delle profonde radici della nostra Autonomia. Abbracciamo l’idea e condividiamo la necessità di ridare slancio al nostro territorio in chiave moderna ed europea, continuando però a coltivare a preservare le nostre tradizioni e la nostra identità da Provincia di confine.

Il perché di una scelta: in Campobase abbiamo percepito il coraggio e la volontà di rimettere al centro della società civile le persone in un’ottica comunitaria e non individualista, in cui l’autonomia viene tradotta come mezzo a servizio delle reali esigenze del territorio e delle sue valli. Troviamo, inoltre, formazione ed affiancamento da parte di coloro che la politica con la P maiuscola l’hanno vissuta tutta la loro vita e, in queste persone, avvertiamo speranza e fiducia per il Trentino che verrà.

I valori del gruppo giovani: Come gruppo giovani crediamo fortemente in un Trentino con una finestra sull’Europa e uno sguardo sensibile verso il mondo. Coscienti della nostra peculiare specialità siamo consapevoli che l’autonomia non è un privilegio ma responsabilità e sentimento. Il tutto si traduce in una visione di politica improntata al dialogo e all’ascolto delle reali esigenze che quotidianamente investono il nostro territorio, consapevoli che la mediazione è un’arte peculiare per chi vede nella politica un importante ruolo di collante della società. Le sfide che investiranno il Trentino, dai cambiamenti climatici alla denatalità, vanno vissuti con uno spirito rivolto alla collaborazione e cooperazione con altri territori. Secondo questi valori intendiamo l’Euregio come un’opportunità per il Trentino per dimostrare come gli Stati Uniti d’Europa possano essere una realtà viva, concreta e in grado di superare pregiudizi e diffidenze.

I Giovani per il Trentino dell’Alleanza Democratica Autonomista alla conferenza stampa in Piazza Mostra a Trento.

Un fiore testardo e resistente, simbolo di caparbietà.

La porta d’Europa a Lampedusa, simbolo di apertura e confronto con l’esterno 

La Marmolada vista da cima Ombretta est, una delle peculiarità del nostro territorio Trentino.

Presentazione Candidati

Silvia Orri

Silvia Orri

34 anni

Laureata alla Sapienza Università di Roma in Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale con un master in Relazioni Internazionali all’Universidad del Norte, Colombia. L’antropologia costituisce la mia formazione continua e personale verso una visione del mondo il più variegata e diversificata possibile. Credo non esistano modelli “giusti” di educazione, sanità, economia, bensì modelli adatti ai gruppi di persone che li costruiscono e mettono in pratica. Attraverso varie esperienze all’estero approfondisco lo studio dell’antropologia dello sviluppo con focus sull’influenza che tradizioni ed abitudini culturali e famigliari hanno negli ambiti sociali collettivi. Le sfere lavorative in cui mi sono inserita, nel corso degli ultimi anni, sono state la prima accoglienza di persone richiedenti asilo, la sensibilizzazione contro gli abusi minorili in Uganda ed attualmente lavoro in Educativa di Strada a Trento. Intendo la politica come azione che si declina nelle scelte quotidiane: dalla spesa alla lettura dei quotidiani, dalla mobilità allo sviluppo delle nostre passioni. Qualsiasi scelta impatta il presente ed il futuro di noi stessi e soprattutto di chi ci circonda.

Davide Demozzi

Davide Demozzi

30 anni

Ho conseguito la laurea in Scienze economiche presso l’Università degli Studi di Trento con un post graduate di 4 mesi all’European School of Economics di Londra in Marketing e Corporate Finance. Attualmente mi occupo di pianificazione economico finanziaria e controllo di gestione all’interno del gruppo Unifarm SPA. La volontà di mettermi in gioco è nata dalla voglia di contribuire allo sviluppo di una visione alternativa di Trentino che abbia uno sguardo rivolto alla cooperazione transfrontaliera e che possa essere precursore di idee, senza che vengano persi di vista i valori e le tradizioni che hanno caratterizzato la storia secolare della nostra Comunità autonoma. Da candidato giovane percepisco e respiro quotidianamente l’importanza della scelta che ho fatto e le responsabilità che da essa ne derivano ma, allo stesso tempo, sono consapevole della necessità impellente di dare risposta e rappresentanza alle problematiche che interessano noi giovani.

Anastasia Facchinelli

Anastasia Facchinelli

23 anni

Laureata in Sociologia, iscritta al corso di Laurea magistrale Organizzazione, Società e Tecnologia presso l’Università di Trento, incentrato sull’analisi di come tecnologia e digitalizzazione influenzano le dinamiche sociali e le organizzazioni. Ho svolto un’esperienza di lavoro significativa, presso un’Agenzia per il Lavoro a Trento, dove mi sono occupata di Ricerca e selezione di personale. I temi che più mi stanno a cuore riguardano sicuramente il Lavoro, quello su cui la nostra Repubblica democratica è fondata. Un lavoro che deve essere per tutti e tutte, dignitosamente retribuito, regolare e sicuro. Il panorama trentino è ricchissimo di opportunità; ciò che manca, dal mio punto di vista, è una maggior propensione all’innovazione e alla sperimentazione. Partendo da questi presupposti e volendo portare avanti queste aspirazioni, ho deciso di avvicinarmi al mondo della politica, con un partito composto da persone serie e preparate, che hanno a cuore il territorio e credono che l’Autonomia sia la chiave per il suo progresso.